Banca Popolare di Sondrio (SUISSE)
I nostri prodotti e servizi

> Per tipo di cliente
> Per esigenza
>Tutti i prodotti e servizi

> Popso (Suisse) Fund SICAV
> Direct Banking
> Life Benefit - Previdenza 3a
> GoBanking
> Richiesta Informazioni
> Richiesta apertura conto
> Richiesta Piano di Accumulo in Fondi
> Richiesta Pacchetto Prodotti
> Modulo di pagamento BPS Pay
 
> Tariffe e Tassi di Interesse
 

Vincenzo Vela

La scultura per esprimere il valore della libertà   (2012)

Esponente di spicco della scena artistica e del rinnovamento del linguaggio figurativo della scultura in senso realista nella seconda metà dell’Ottocento, Vincenzo Vela fu uomo del suo tempo a tutto tondo, partecipe in prima persona della temperie politica e culturale di quegli anni. Sempre orgogliosamente schierato in difesa degli ideali di libertà e di giustizia sociale sia nella vita professionale che privata, fu anche risolutamente pronto a scontare il prezzo delle sue opinioni contro avversari e detrattori, guadagnandosi nel contempo l’amicizia e la stima di numerosi protagonisti del Risorgimento italiano, oltre che l’approvazione incondizionata di una vasta platea di ammiratori.

Nato il 3 maggio 1820 nel borgo ticinese di Ligornetto, poco distante da Mendrisio, Vincenzo era l’ultimo dei sei figli nati dal matrimonio di Giuseppe Vela con Teresa Casanova: una famiglia di umili condizioni, dedita alla coltivazione di terreni ingenerosi i cui modesti frutti venivano integrati dall’esercizio di un’osteria e dal lavoro dei figli, tutti avviati prestissimo a guadagnarsi da vivere. Lo stesso Vincenzo intorno ai dodici anni cominciò a lavorare come scalpellino nelle vicine cave di Besazio, dalle quali si estrae un granito rossastro utilizzato prevalentemente per la realizzazione di elementi architettonici e d’ornato. Lì apprese i primi rudimenti del mestiere, per passare poi alle dipendenze di Saverio Franzi nella poco distante Viggiù, patria di un altro eminente scultore suo coetaneo, Giosuè Argen-ti (1819-1901).

 
Scarica PDF
Vincenzo Vela
(3166 Kb) >